Scelti i produttori per il nuovo album

“Paul ha un sacco di materiale già pronto: ci sono tantissimi stili diversi”, ebbe a dire lo scorso 10 luglio Abe Laboriel, batterista messicano naturalizzato statunitense, figlio del grande bassista Abraham Laboriel, circa il nuovo album di inediti in studio di Paul McCartney, nella band del quale milita da oltre vent’anni: “Per certi versi le canzoni sono molto giovanili, rock e aggressive, ma – contemporaneamente – ci sono anche episodi più cantautorali, decisamente intimisti. Lui del resto vuole rimanere aggiornato: a me sembra che il suo spirito sia quello di vedere cosa ci sia là fuori”.

A un mese o poco più di distanza, giungono altre indiscrezioni su quello che sarà il prossimo lavoro da solista dell’ex Fab Four: stando a quanto riferito dall’edizione online del britannico Sun, il cantante, autore e polistrumentista avrebbe già compilato la rosa dei produttori scelti per coadiuvarlo durante le session in studio. Che nella pattuglia fossero inclusi lo storico collaboratore di Amy Winehouse Mark Ronson e Paul Epworth, responsabile di alcuni degli episodi più azzeccati incisi da Adele, era cosa già nota. Di oggi, invece, è la notizia che il veterano artista liverpooliano abbia deciso di continuare a rivolgersi a colleghi molto più giovani. Giovani sì, ma figli d’arte: l’adunata, infatti, è suonata per Giles Martin, figlio di Sir George, storico produttore proprio dei Beatles, e Ethan Johns, il cui padre Glyn figura nei crediti di alcune pietre miliari del rock moderno come il quinto album degli Who, “Who’s next” del 1971, “Slowhand” di Eric Clapton, il primo e omonimo album degli Eagles e “A nod is as good as a wink… to a blind horse” dei Faces.

“La sua squadra è eccitatissima dal nuovo disco”, ha confermato l’immancabile anonimo ben informato alla testata britannica: “L’obbiettivo è quello di riportarlo in cima alle classifiche. Di certo, le persone che lavorano per lui sanno il fatto proprio”. Stando a quanto riferito da Contactmusic, il nuovo album di McCartney potrebbe essere pubblicato già entro la fine di quest’anno, in tempo per il (solitamente redditizio, dal punto di vista delle vendite) periodo festivo.

Fonte : Rockol.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...